anatocismo

Due funzionari della filiale di una Banca di Morozzo sono a processo per usura bancaria, in tribunale a Cuneo. Sono M. C., 61 anni, e R. G. 57, di Cuneo. Entrambi stamattina sono comparsi davanti ai giudici con il loro avvocato
A denunciarli sono stati due clienti, titolari di una piccola società , che operava nel campo delle energie rinnovabili. Secondo il pm Maurizio Picozzi i bancari, dal 2002 al 2009, addebitarono sul conto corrente della società interessi usurari fino, per un trimestre, al 25,4%.
Il tutto sullo “scoperto” dal fido che la società aveva. In altre parole, sforare dall’affidamento di credito è costato caro ai due piccoli imprenditori. Per la Procura sino a un superamento del 10,49% del tasso soglia previsto dalla legge. Gli istituti di credito definiscono questo addebito una commissione (la Commissione di massimo scoperto) – non un onere, quindi un interesse –
appellandosi anche a direttive della Banca D’Italia. Dunque non ci sarebbe reato. In altri casi simili la Cassazione ha assolto i singoli bancari per mancanza dell’elemento soggettivo del reato. Come dire: si attenevano alle direttive.

agosto: 2016
LMMGVSD
« Mar  
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031